Salvador Dalì

Salvador Dalì, nato nel 1904 a Figueras, in Catalogna, è stato uno dei più grandi artisti del Novecento. Grande sperimentatore, è stato pittore, scultore, sceneggiatore, scrittore, cineasta, autore di scenografie, fotografo, oltre che un ottimo disegnatore e autore di stampe grafiche.

Studia all’Accademia di Belle Arti di San Fernando a Madrid, dove conosce Federico García Lorca e Luis Buñuel, regista con cui collaborerà nel 1929 al film manifesto del surrealismo Un chien andalou e l’anno successivo a L'age d'or, mentre aLorca lo lega un rapporto d’amicizia (alcuni dicono amore) e con lui collaborerà per la realizzazione di alcune sceneggiature teatrali.

La sua prima esposizione personale si tiene nel 1925 alla galleria Dalmau di Barcellonae l’anno successivo compie un primo viaggio a Parigi, immancabile per ogni artista che volesse stare al passo con i tempi e conoscere le ultime novità in ambito artistico: in questa occasione tra l’altro, conosce Pablo Picasso, a quella data già ampiamente riconosciuto concordemente come un maestro.

Nel 1929 conosce Gala, futura moglie e musa ispiratrice per tutta la vita.

Dalì fu tra i più celebri, ma anche più criticati esponenti del surrealismo, movimento nato nella Parigi del 1924 (il Manifesto del Surrealismo è firmato da André Breton in quell’anno). Il surrealismo dava largo spazio all’azione dell’inconscio e dei sogni (in quanto espressione dell’inconscio)e intendeva arrivare ad esprimere una realtà altra, surreale appunto, esterna a quella che tutti conosciamo. Dalì si avvicina nel 1930 al gruppo parigino stanziato a Montmartre, collaborandovi assiduamente per diversi anni.

È uno degli artisti di punta del gruppo di Breton: nel 1931 inventa i cosiddetti “oggetti surrealisti a funzione simbolica”, illustrandoli in un articolo pubblicato su Le Surréalisme au service de la révolution, rivista del movimento; dal 1933 pubblica testi e fotomontaggi anche su Minotaure, altra fondamentale rivista d’avanguardia parigina.

Nel 1934 si tiene la sua personale di pittura alla galleria newyorkese di Julien Levy, che ne decreta il successo oltre i confini europei.

Nel 1939 si allontana dai surrealisti, rompendo il legame di lavoro e amicizia che lo legava a Breton e compagni, a seguito di vari scontri intellettuali susseguitesi in quegli anni, e si trasferisce a New York con Gala.

Dalì è celebre come pittore, ma è stato anche un grande autore di stampe grafiche: aveva studiato le tecniche di stampa negli anni dell’Accademia, per maturarle poi negli anni Trenta. La sua altissima capacità di disegnatore si prestava bene per questo tipo di lavoro, tanto che ne realizza in gran numero e sempre ad un livello eccelso. Tra le sue serie grafiche sono celebri le illustrazioni realizzate per Les Chants de Maldoror, la Divina Commedia, l’Apocalisse di San Giovanni.

Articoli 1-25 di 178

Pagina
per pagina
Imposta la direzione decrescente

Articoli 1-25 di 178

Pagina
per pagina
Imposta la direzione decrescente
PISACANE ARTE di Roberto Ungaro
 - Via Pisacane 36, 20129 - Milano
Tel. e Fax  02. 39521644
P. IVA 07851620968
galleria@pisacanearte.it