Camille Pissarro

Jacob Camille Pissarro nasce a Saint Thomas nelle Indie Occidetali Danesi. Suo padre, di nazionialità francese, ma di origine ebrea portoghese, lo manda nel 1941 a studiare in Francia. Camille si appassiona presto al disegno e al suo ritorno stringe amicizia con l'artista danese Fritz Melbye che sarà per lui il primo maestro. Insieme passeranno due anni a dipingere in Venezuela. Nel 1855 Pissarro si trasferisce a Parigi dove studia pittura all'Ecole des Beaux-Arts e all'Académie Suisse. Conosce Corot che lo invita a dipingere en plein air nella campagna francese. Nel 1959 stringe amicizia con Monet, Guillaumin e Cèzanne con i quali condivide una certa insofferenza verso i circuiti ufficiali che vengono considerati ormai incapaci di rappresentare la modernità. Nel 1863 partecipa con Cézanne al Salon des Réfuses. Nel 1866 si trasferisce con la moglie e i numerosi figli a Pontoise dove la sua pittura si fa più luminosa. Durante la guerra franco-prussiana nel 1870 raggiunge con la famiglia Monet in Inghilterra e al suo rientro scopre che molte sue opere sono andare distrutte. Nel 1874 partecipa alla prima mostra del gruppo impressionista presso lo studio del pittore Nadar; esporrà in tutte le altre sette del gruppo. Continua a dipingere con Cézanne e Guillamine nei pressi di Pontoise, a loro si aggiungerà presto anche Gauguin. Grazie ad alcune aste andate a buon fine riesce a garantirsi una certa stabilità economica. Nel 1883 tiene una personale presso la galleria Durand-Ruel e l'anno successivo di trasferisce a Eragny. Nel 1985 conosce Signac e Seurat che lo avvicinano alle loro nuove teorie pittoriche: il risultato sono delle opere innovative che si avvicinano al neo-impressionismo. Nello stesso periodo conosce Theo Van Gogh che gli presenta il fratello Vicent; insieme passeranno dei giorni a dipingere e Pissarro rimane colpito dalla potenza espressiva del giovane pittore. Nel 1886 partecipa a due collettive impressioniste presso la nuova galleria di Durand-Ruel a New York che riscuotono un grande successo. Intorno al 1889 inizia a soffrire di un'infezione cronica agli occhi per la quale farà fatica a dipingere en plein air. Nel 1890 Theo Van Gogh organizza una sua importante mostra alla galleria Boussod&Valadon e nel 1892 ci sarà un'ampia retrospettiva da Durand-Ruel. Soggiorna spesso a Londra dove era andato a vivere il figlio Lucien, anche lui artista. E' proprio Lucien ad avvicinare il padre alla tecnica dell'acquaforte e della litografia. Dal 1897 si stabilisce a Parigi e dipinge vedute della città dalle finestre di diversi alberghi fino alla sua morte avvenuta nel 1903.