Renato Natali

Renato Natali (Livorno 1883 – 1979) è un artista italiano, rappresentante del gruppo dei Labronici. Pittore della vita quotidiana, di discendenza macchiaiola, per tecnica, stile e tematiche trattate. La sua amata Livorno sarà sempre protagonista delle sue composizioni, le spiagge e le campagne, i contadini e i marinai, la gente semplice e umile del popolo colta in momenti di modesta consuetudine. Una pittura di memoria, che ricorda la vecchia Livorno, con le sue stradine, i suoi scorci, immersi in un’atmosfera di romantica nostalgia espressa attraverso giochi di luce, ombre e riflessi, pennellate veloci, a volte incomplete, che lasciano un senso di malinconica indefinitezza. Pittore autodidatta, soggiorna a Venezia e a Parigi, città che lo influenza fortemente. Oltre a stringere rapporti con maestri del calibro di Modigliani, conosce e ammira l’arte impressionista. L’atmosfera parigina e i suoi colori restano fortemente impressi nella mente di Natali e al suo ritorno a Livorno, la sua tavolozza si illumina, si schiarisce e le sue tematiche si vivacizzano. Espone in svariate città italiane, ma resta sempre un personaggio defilato, legato all’umiltà e alla semplicità delle sue origini.